Notizie

DL Rilancio - RdC e contratti a termine in agricoltura

L'INPS, attraverso il messaggio nr. 2423 del 12 giugno 2020, precisa quanto previsto dal DL Rilancio, relativamente alla promozione del lavoro agricolo, in cui si prevede che i percettori di Reddito di Cittadinanza possono stipulare, con datori di lavoro del settore agricolo, contratti a termine dalla durata non superiore a 30 giorni, rinnovabili per ulteriori 30 giorni, senza subire la perdita o la riduzione dei benefici previsti, nel limite di 2.000,00 euro per l'anno 2020.

In caso di ulteriore rinnovo, il Lavoratore interessato dovrà effettuare la comunicazione dei redditi presunti all'INPS mediante la presentazione del modello RdC-com/PdC-com Esteso.

 

Al fine di promuovere il lavoro agricolo, il decreto legge 19 maggio 2020, DL Rilancio, prevede che i percettori di Reddito di Cittadinanza possono stipulare, con datori di lavoro del settore agricolo, contratti a termine dalla durata non superiore a 30 giorni, rinnovabili per ulteriori 30 giorni, senza subire la perdita o la riduzione dei benefici previsti, nel limite di 2.000,00 euro per l'anno 2020.


Con il messaggio sopra citato, e allegato alla notizia (vedi link in fondo), l'Istituto effettua alcune precisazioni. In primis che il lavoratore percettore del Reddito di Cittadinanza non è tenuto alla trasmissione del modello RdC/PdC - com Esteso per la comunicazione dei redditi percepiti.

Quindi, un percettore del Reddito di Cittadinanza che svolge attività di lavoro agricolo subordinato con contratto a termine, per il periodo dall'1 giugno al 30 giugno 2020, non è tenuto ad effettuare alcuna comunicazione. In caso di rinnovo per il successivo mese di luglio, ugualmente non vi è obbligo di comunicazione tramite il modello RdC/PdC - com Esteso.

 

Solo in caso di ulteriore rinnovo, il Lavoratore interessato dovrà comunicare i redditi presunti, in virtù del superamento del periodo massimo di durata del rapporto di lavoro previsto dal DL Rilancio.

I beneficiari del Reddito di Cittadinanza sono tenuti a comunicare all'INPS, tramite il modello RdC/PdC Esteso:


- le variazioni della situazione lavorativa nelle forme di avvio di attività di lavoro dipendente, autonomo e di impresa individuale o di partecipazione, anche se svolta all'estero, intervenute in corso di fruizione del RdC/PdC;


- il reddito presunto per l'anno solare successivo, qualora l'attività di lavoro già comunicata si protragga nel corso di tale anno;


- la sopravvenienza nel nucleo familiare, successivamente alla domanda, di componenti in stato detentivo o ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o in altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra Pubblica Amministrazione, ovvero la cessazione dello stato di detenzione o ricovero;


- le dimissioni volontarie dal lavoro di uno o più membri del nucleo, fatte salve quelle per giusta causa;


- entro 15 giorni, ogni variazione patrimoniale che comporti la perdita del requisito relativo al patrimonio immobiliare e al possesso di beni durevoli.


Il Reddito di Cittadinanza (RdC), si rammenta, è stato introdotto con il decreto legge nr. 4 del 28 gennaio 2019, quale misura di contrasto alla povertà. Esso rappresenta un sostegno economico e un percorso personalizzato di accompagnamento, inserimento lavorativo e inclusione sociale con attività al servizio della comunità, di riqualificazione professionale, completamento degli studi, nonché altri impegni individuati dai servizi competenti finalizzati all'inserimento del mercato del lavoro e dell'inclusione sociale.

 

 

--

L'Ufficio Stampa

CONF.E.L.P. Nazionale

La pagina ha impiegato 0.1298 secondi